sabato 1 giugno 2013

Edemi e ritenzione idrica, gambe pesanti per cattiva circolazione, cellulite: che problemi!!!

I consigli dell’erborista
di Tiziana Viganò



Prepariamoci all’estate con la prevenzione e il trattamento di alcuni noiosi disturbi che col caldo peggiorano, soprattutto in noi donne.

Per combattere la ritenzione idrica, quel “gonfiore” delle gambe o in altre parti del corpo, evitiamo d’estate  i diuretici più potenti e famosi – come pilo sella, tintura madre di Betulla -  anche di origine vegetale, che fanno perdere sali minerali e abbassano la pressione. La tintura madre di Tarassaco, che risparmia il potassio, è il diuretico d’eccellenza durante l’estate, ma solo per chi ne ha davvero bisogno.


Useremo le gemme degli alberi, da cui si estraggono i principi attivi con macerazione in acqua, glicerina ed alcool, secondo regole ben precise della farmacopea francese che ha inventato la gemmoterapia. Le gemme, essendo la parte in crescita delle piante, contengono moltissimi principi attivi estremamente efficaci, davvero tutta l’energia dell’albero.  Le Tinture Madri, veri caposaldi della fitoterapia, sono estratti da piante fresche appena raccolte e macerate in acqua e alcool: contengono quindi il fitocomplesso più attivo delle piante medicinali.

Associamo quindi ai gemmo terapici altre piante adatte a prevenire i disturbi della circolazione venosa, dolorosi, fastidiosi e in alcuni casi pericolosi – è meglio prevenire che curare! -. In caso di patologie gravi ci rivolgeremo al medico: le piante potranno aiutarci a risolvere casi meno importanti.



Ritenzione idrica, stasi linfatica, cellulite: mattino 50 gocce Linfa di Betulla MG, sera 50 gocce Castagno MG. Diluite in poca acqua prima dei pasti.



Cattiva circolazione e gonfiore degli arti inferiori: 50 gocce Ippocastano MG, sera 50 gocce Castagno MG. Diluite in poca acqua prima dei pasti.



Cellulite con sovrappeso e ritenzione idrica: mattino 30 gocce Rusco TM, sera 50 gocce Castagno MG. Diluite in poca acqua prima dei pasti.



Vene varicose e fragilità capillare delle gambe, edemi e cellulite 50 gocce Ippocastano MG, mezzogiorno 30 gocce Ginkgo biloba TM, sera 50 gocce Castagno MG. Diluite in poca acqua prima dei pasti.

Per un pediluvio, un bagno o una doccia rigenerante che riattivi la circolazione dopo una faticosa e calda giornata procuratevi sale fino e olio essenziale di Rosmarino*. Per il pediluvio diluite in un catino d'acqua tiepida e rimanete almeno dieci minuti con i piedi immersi. Per un bagno usate 10-12 gocce  di olio essenziale in 250 g di sale, sciogliete nell'acqua della vasca e state immerse ...fino a quando volete. Per la doccia invece unite a 250 g di sale fino 8 gocce di olio essenziale, due cucchiai di yogurt, due di olio e due di miele. Con questo scrub massaggiate la pelle umida per pochi minuti, poi sciacquate senza usare saponi: otterrete pelle di seta e circolazione alle stelle!


Linfa di Betulla - Betula verrucosa (macerato glicerinato, MG)

Si ricava da incisioni praticate nella corteccia dell’albero all’inizio della primavera: contiene salicilati – quindi vietata a chi è allergico all’Aspirina – che hanno un’azione antiinfiammatoria e diuretica; betulina che aiuta ad abbassare il livello di colesterolo e di acido urico con azione diuretica non aggressiva. Ottima quindi come drenante, depurativo, contro la ritenzione idrica.

Castagno gemme  – Castanea vesca (macerato glicerinato, MG)

Si ricava dalle gemme fresche primaverili dell’albero di castagno: contiene acido gallico e ellagico, vitamine e minerali. E’ ideale per la stasi linfatica e gli edemi in generale e in quelli degli arti inferiori da insufficienza venosa, crampi e parestesie delle gambe.

Ippocastano gemme  – Aesculus hippocastanum (macerato glicerinato, MG)

Derivato dalle gemme primaverili dell’ippocastano contiene derivati dell’escina, potente flebotonico e antinfiammatorio della circolazione venosa degli arti inferiori e di tutto il corpo – utilissimo per chi soffre di emorroidi -. Chi ha varici e fragilità capillare può fare lunghi cicli per tutta l’estate.

Ginkgo – Ginkgo biloba (tintura madre, TM)

Si ottiene dalle foglie mature dell’albero, raccolte in estate e macerate in acqua e alcool. Contiene tra gli altri flavonoidi (rutina) e ginkgolidi che sono attivi sulle problematiche vascolari e come prevenzione delle trombosi. Non si può associare a farmaci.

Rusco, Pungitopo – Ruscus aculeatus (tintura madre, TM)

Si ottiene dalle parti sotterranee raccolte in autunno e macerate in acqua e alcool. Contiene ruscogenina, ruscina e ruscoside, sostanze fortemente attive nelle insufficienze venose, con varici, emorroidi, fragilità capillare. I principi attivi che ho citato agiscono come antiinfiammatori sulle pareti venose, migliorando la circolazione, diminuendo la vasodilatazione venosa, favoriscono la diuresi. Il rusco è utile nella prevenzione delle trombosi e flebiti negli individui predisposti. Non si può associare a farmaci.



* gli oli essenziali, distillati da enormi quantità della pianta medicinale scelta, sono potentissimi. Devono essere usati in quantità molto piccole, sempre diluite come detto sopra e non vanno ingeriti. Gli individui allergici facciano una prova su una piccola porzione di pelle prima di usarli su tutto il corpo.