sabato 11 maggio 2013

Torta di carote



vale per 12 porzioni: 270 calorie a porzione

450 gr. di carote
3 uova
150 gr. di zucchero di canna
120 g di olio di semi di mais
300 gr. di farina (bianca e integrale)
1 busta di lievito per dolci
Sale, vaniglia, buccia di limone grattugiata

Facile facile, leggera da digerire, basta poco per dare ai bambini una torta sana e buonissima invece delle merendine piene di additivi.


In questa torta si possono usare anche 150g di farina integrale e 150 g di farina 00. Tritate le carote nel mixer e tenetele da parte. Sbattete bene uova e zucchero, poi aggiungere l’olio e la farina, il lievito e un pizzico di sale, i semi di vaniglia e la buccia di limone. Quando l’impasto appare omogeneo, mescolatevi le carote. Mettete il tutto in una tortiera da 22 cm foderata di carta da forno e cuocete a 180°C per circa 30/40 minuti, secondo il vostro forno. Infilate lo stecchino per capire se l’interno è asciutto. Decorate con zucchero a velo, se volete.

Consiglio nutrizionale di Silvia


Con questa torta si possono far mangiare le verdure ai bambini. Provate anche con le zucchine. Delle mandorle ne abbiamo già parlato nella ricetta delle “penne di farro con pesto alla siciliana”. Le uova garantiscono un buon apporto di proteine e rendono la colazione più nutriente e sostanziosa. Lo zucchero di canna risulta più aromatico, ma non è molto diverso da quello di barbabietola a livello nutrizionale e calorico. È preferibile lo zucchero integrale di canna –mascobado o panela - che non contiene solo saccarosio ma anche altre molecole, è reperibile nei negozi di alimentazione naturale. Il problema dello zucchero sta nell’utilizzo esagerato che viene fatto oggi, come esaltatore di sapore, nelle conserve, per iniziare la lievitazione di prodotti anche salati (pane, pizze…). Dà energia “pronta all’uso” perchè è un glucide a rapido assorbimento, però alla lunga impoverisce l’organismo di vitamine e sali minerali. 

Variante light di Silvia

Per rendere il dolce ancora più naturale si può sostituire lo zucchero con 3 cucchiai di miele e un bicchiere di centrifugato di mela, arancio e magari di carota per abbinarlo meglio alla ricetta (centrifugare oppure frullare la frutta e poi passarla a setaccio fine oppure filtrare con una garza). Sostituite i 300 g di farina di grano con 50 g di crusca d’avena, 100 g di farina di riso, 200 g di mandorle tritate. Sbattete i 3 tuorli con il miele e aggiungete mandorle, carote, farine setacciate con il lievito (personalmente non lo metto, al massimo potete mettere un cucchiaino di bicarbonato), la buccia e il succo di frutta, un cucchiaio di olio di arachide. In ultimo aggiungete gli albumi montati a neve ben ferma. Cuocete nello stesso modo.